Collezione etnografica

La collezione etnografica del Museo della città di Perasto, in termini di numero e varietà di oggetti museali, accanto alla collezione culturale storica e marittima, raffigura e testimonia con precisione il passato di Perasto. Il valore speciale della collezione etnografica sta nel fatto che ritrae le vite di tutti gli strati della società perastina.

La diversità degli oggetti di questa collezione parla molto dei loro proprietari, indipendentemente dal fatto che si tratti delle importazioni o di elementi di origine autoctona. Inoltre, con le testimonianze di cultura materiale, non si deve trascurare o sottovalutare la cultura spirituale preservata poiché alcuni oggetti del museo sono direttamente collegati agli elementi delle azioni tradizionali stesse.

La collezione è stata fondata nel 1937 e dal 1950 faceva parte del Museo civico della città di Perasto.

La collezione comprende circa 692 pezzi di oggetti museali. Considerando il carattere degli oggetti, essa è suddivisa in sotto-unità: armi, costumi, gioielli, mobilia, bandiere e sotto-collezione di oggetti usati (inclusi oggetti usati nelle famiglie e oggetti provenienti dalla collezione marittima usata sulle navi).

Armi

Le armi risalgono al periodo che va dal XVI al XX secolo. Sono raggruppate secondo i principi di base: a freddo, a fuoco ed a protezione, e sono classificate per tipo, modello e scopo.

Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda

Le armi a freddo sono state presentate con pezzi di armi dal primo periodo – mazze chiodate e lance, spade (dal XVI al XX secolo), yatagans (dal XVIII al XIX secolo), sciabole e pugnali (dal XVII al XX secolo). Le armi a fuoco comprendono fucili di grandi dimensioni (dzeferdar e accarini) del XVII – XX secolo e fucili di piccole dimensioni (kubura e ledenica) del XVIII – XIX secolo, poi diversi pezzi di piccoli e grandi cannoni (XVII – XVIII secolo), mentre nel gruppo di armi protettive sono scudi e giubbotti antiproiettile dal periodo recente.

Spada di Perasto

Un posto speciale nella collezione delle spade appartiene alla spada di Perasto, non solo per il modo di sua lavorazione, ma anche come ricordo della grande battaglia di Perastini contro i Turchi, una battaglia che ebbe luogo il 15 maggio 1654 ed in cui i Perastini riuscirono a difendere la loro città e sconfiggere una numerosa armata turca. Il significato di questa spada sta nel fatto che già nello stesso anno è stata portata a Perast probabilmente come dono in memoria alla famosa vittoria di Perastini, sebbene alcuni elementi sulla spada puntino al presupposto che la spada possa essere stata in Perasto anche prima di quella battaglia.

Peraški mač - Muzej grada Perasta

La spada appartiene a un raro tipo di spada – pallos. La lunghezza della spada è di 99 cm, le lame sono di 85 cm. Assomiglia più a una sciabola. La lama è a filo singolo, realizzata in acciaio pesante. Sul davanti lungo la maniglia è scolpito lo stemma della famiglia Stjepanović, che aveva lo stesso stemma della confraternita Rajković (da Perasto). Lungo la lama sullo stesso lato c’è l’iscrizione nell’antico slavo, mentre sull’altro lato della lama c’è una breve iscrizione in lingua latina.

L’intera lama era coperta d’oro. Il manico è decorato con pietre preziose e semipreziose e legatura in argento.

Per il modo di lavorazione, la spada rappresenta una combinazione di lama italiana affiliata solo da un lato della seconda metà del XVI secolo, una elsa della seconda metà del XVI secolo, anch’essa di origine italiana, e un manico riccamente decorato che è una caratteristica del tipo di spada arabo-marocchino. Il fodero della spada è fatto di legno duro, rivestito con pregiata pelle nera e legatura in argento.

La spada di Perasto, anche se esposta nell’esposizione permanente del Museo della città di Perasto, esce dal Museo ogni anno il giorno della battaglia di Perasto – il 15 maggio e con il dzeferdar di Mehmed Aga Rizvanagić, un comandante turco morto in quella battaglia, è un segno importante della celebrazione nella piazza della città dove hanno il loro posto d’onore.

Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda

Il 15 maggio viene celebrata una grande festa religiosa in onore della Madonna – santa protettrice della città di Perasto, e per il fine della celebrazione viene usato il costume del segno a tiro del gallo, i cui elementi sono collegati alla battaglia di Perasto, sebbene siano stati presi dalle usanze che erano state eseguite ancora prima della famosa vittoria perastina nel 1654.

Costumi

La sotto-collezione dei costumi consiste dai costumi della marinarezza di Perasto (dei marinai e degli ufficiali) così come i pezzi dei costumi popolari maschili e femminili (uomo – di Risano, e donna –di Lastua). La sotto-collezione dei costumi contiene anche i pezzi ovvero gli accessori che venivano portati con abiti come per esempio ventriere da uomo o borsette da donna.

Il costume della Marinarezza di Perasto viene classificato in base agli gradi: i costumi dei marinai ed i costumi degli ufficiali. Oggi i costumi sono indossati solo in occasioni di celebrazioni determinate dallo Statuto della Marinarezza Bocchese.

Il costume da marinaio fino alla fine del XIX secolo, era il solito vestito indossato da uomini di Perasto. È composto da un berretto nero – detto “ćeverica”, che sulla parte superiore – detto “tapalak”, è decorato con ricamo in oro in mezzo a cui si trova il fiore fatto con filo di rame a spirale, poi camicia bianca e panciotto detto “ječerma” (in velluto blu scuro o rosso scuro, decorato con cordoni e nappe d’oro) poi c’è il giubetto detto “koreta” (che ha delle maniche e viene indossato sopra il panciotto detto “ječerma”, decorato con oreficeria sul petto e sulle maniche). Pantaloni larghi neri – realizzati in tela di cotone nera. Sopra di esse, intorno alla vita viene di solito avvolta una lunga cintura, solitamente rossa, di tela o di seta. Sui piedi sono calze nere – dette “bječve” berretti e scarpe nere – dette “crevlje”. Insieme con la cintura viene indossato una ventriera splendidamente decorata con ricamo in oro, e poi borsellino detto “ćesa” – di pelle o metallo (cartucciere dette “fišeklije” – scatole per polvere da sparo) e borsa detta “tobolac”.

Ufficiali e sottufficiali della Marinarezza di Perasto indossavano un costume simile a quello dei marinai con piccole differenze nei pezzi superiori di costume. Sopra il panciotto “ječerma” era indossato specie di veste chiamato “dolama” su cui, a seconda del grado, c’erano decoramenti adeguati. Gli ufficiali portano in testa un kalpak che ha anche decoramenti legati al grado.

Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda

Gioielli

Per quanto riguarda i gioielli, i marinai portavano solo una lunga catena sulla quale era appeso l’orologio, inserito tra il panciotto “ćemer” e la cintura. Nel caso in cui l’uomo fosse l’unico figlio della famiglia, avrebbe portato su un orecchio un orecchino – detto “brnjica”.

I gioielli della collezione etnografica consistono in ornamenti femminili: ventriere, anelli, braccialetti.

Ventriere d’argento da donna – Le cinture sono realizzate con tecnica a filigrana fine, tecnica di fusione e ferratura. Durante il XIX secolo avevano una funzione decorativa e venivano indossate come parte integrante di un costume da donna formale. È interessante notare che nel periodo precedente, quando il costume popolare era di uso quotidiano, le ventriere erano indossate solo da donne sposate, mentre alla fine del XIX secolo erano indossate anche da donne non sposate.

Bandiere

La sotto-collezione di bandiere consiste di quelle veneziane, austriache, turche e russe.

Uno degli oggetti museali più importanti dal periodo del dominio veneziano è una parte della bandiera veneziana con lo stemma della città di Perasto, lo stemma è rappresentato sulla parte centrale della bandiera (due braccia che reggono la croce). La bandiera è di seta, tagliata in modo non uniforme da tutti i lati. Nell’angolo in alto a destra, scritta in caratteri latini c’è un’iscrizione: “Ai genitori amati, ai Perastini fedeli, DE SARNO”. Le dimensioni della bandiera incorniciata sono 99,5 x 45 cm.

Muzej grada Perasta - Etnografska zbirka - Zastave

La legenda che gira tra la gente racconta che dopo la caduta della Repubblica di Venezia, i Perastini tagliarono i pezzi di questa bandiera per conservarli come un memoriale di un’epoca in cui, sebbene sotto il dominio dei Veneziani, godevano una sorta di autonomia.

La bandiera russa con la Croce di Sant’Andrea è stata realizzata in seta blu, le dimensioni sono 222 cm x 337 cm. La Croce di Sant’Andrea si trova in un campo dalle dimensioni 188 cm x 110 cm. Il capitano Perastino Matija Zmajević, viceammiraglio della flotta russa, ha ricevuto questa bandiera come trofeo dopo una grande e abile vittoria. La vittoria in questione fu fatta sugli svedesi vicino al Gangut (Hanko), sotto il suo comando nella Finlandia meridionale nel 1714. L’imperatore russo Pietro il Grande consegnò questa bandiera al capitano Matija Zmajević in questa occasione.

Mobilia

La mobilia è presentata nei saloni del museo memoriale di Visković e della famiglia Balović, con degli specchi veneziani e con bauli delle ragazze. Saloni e specchi sono con elementi di lavorazione barocca. I bauli sono decorati con intagli sul davanti e con dei motivi caratteristici del Mediterraneo, e la loro funzione principale era per conservazione delle doti preparate dalle ragazze. Come parte dell’eredità della ragazza, il baule contenente le doti fu portato nella sua nuova casa.

Nella mostra permanente del Museo della città di Perasto ci sono anche degli oggetti fatti a mano, del XVIII e XIX secolo.

Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda
Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda Praistorijski nalazi sa područja Kotora - Velika gruda

Oggetti usati

La sotto-collezione di oggetti usati comprende gli oggetti usati nelle famiglie per l’uso quotidiano: strumenti – attrezzi utilizzati principalmente per la pesca, ma anche per la fabbricazione di oggetti in legno – attrezzi per falegnameria, nonché oggetti provenienti da una collezione navale usata sulle navi.

Tra gli oggetti utilizzati sono di particolare interesse i preziosi pezzi di stoviglia di porcellana (ciotole, piatti, boccali) fatti di porcellana inglese, poi le lampade a olio, conosciute meglio come fiorentine – siccome furono fatte a Firenze nel XIX secolo, da noi erano ancora conosciute con il nome lucerne, in questa subcollezione si distinguono anche i riscaldatori del letto – scaldaletti, le griglia su meccanismo dell’orologio – girarrosto.

La collezione etnografica, forse, descrive al meglio la cultura d’abitazione di Perasto in passato. Il suo materiale riflette lo splendore e l’accettazione delle tendenze mondane della popolazione di Perasto, in primo luogo dai numerosi ricchi Perastini e della nobiltà. Questa collezione sistemata dentro il lussuoso palazzo Bujović offre un quadro completo della vita vissuta a Perast nei secoli XVII e XVIII.